SUBITO OCCORRE SICUREZZA

www.insiemeinazione.com
ultimo aggiornamento: 04 dicembre 2022
a cura di Pier Luigi Ciolli

Alcune soluzioni per tutelare chi ci tutela

Per evitare il ripetersi di fatti similari a quelli elencati nel prosieguo, è diritto/dovere di tutti sollecitare il Governo e i parlamentari affinché trasformino rapidamente in realtà le seguenti soluzioni:

  1. un minorenne, al secondo reato dev’essere soggetto a quanto previsto dalla legge per i maggiorenni mentre, nel caso di aggressione a terzi, sia soggetto subito a quanto previsto dalla legge per i maggiorenni.
  2. chiunque aggredisce e/o minaccia di morte e/o di lesioni gli agenti delle Forze dell’Ordine, una volta identificato dev’essere immediatamente arrestato e sottoposto al processo per direttissima con la competenza a giudicare del Tribunale in composizione monocratica con la pena prevista della reclusione da 3 mesi a 6 anni, senza la concessione del rito abbreviato. In ogni caso, anche se poi fosse dichiarato incapace di intendere e di volere, deve comunque scattare il sequestro preventivo di tutti i suoi beni ed essere avviato al lavoro obbligatorio fino alla rifusione completa dei danni provocati agli aggrediti (cose e persone) oltre alle spese processuali e per la detenzione; ossia, tutte le spese che altrimenti andrebbero addebitate alla collettività (cure mediche che gli aggrediti sono costretti a sostenere, eventuali procurate invalidità e conseguenti pensioni e spese processuali attivate a carico degli aggrediti);
  3. immunità operativa per le nostre Forze dell’Ordine coinvolte in blocchi stradali forzati, rapine, inseguimenti e aggressioni. Da ribadire che immunità non significa impunità; infatti, la salvaguardia dei diritti degli agenti e dei cittadini va demandata a una commissione del Ministero degli Interni affinché, acquisite le documentazioni inerenti ai fatti accaduti, possa intervenire qualora ravvisi evidenti anomalie nel comportamento di un’agente;
  4. i dei beni sequestrati e/o confiscati ai criminali vanno destinati alle Forze dell’ordine per aumentarne la loro efficienza e operatività;
  5. va implementata la dotazione degli agenti operativi dotando ciascuno di:
  6. taser (pistola elettrica non letale che immobilizza il soggetto che ne è colpito),
  7. bodycam (telecamera portatile, che si posiziona in genere su una spalla e/o sul petto) a testimonianza di quanto accade,
  8. giubbotto antiproiettile di nuova generazione,
  9. tuta da OP che riunisca tutte le caratteristiche tecniche e normative per essere classificata come DPI a tutela della salute e della sicurezza dell’agente impiegato in contesti operativi,
  10. guanti antitaglio,
  11. autoveicoli con protezioni antiproiettili;
  12. dotare gli agenti operativi nelle manifestazioni di arma non letale, munita di proiettili a vernice con ottica o punto rosso, capace di colpire fino a 50 metri (esempio: la FN 303 Mk2 Less Letal Launcher) con relativa autorizzazione a individuare e colpire tra i manifestanti chi si rende autore di reati, facilitando così il loro riconoscimento e il lavoro dei giudici nello stabilire la partecipazione dell’arrestato ai fatti criminosi;
  13. aumento degli organici in modo da impedire che gli agenti siano avvisati solo il giorno prima di quale sarà il turno per il giorno dopo. Utile la lettura dell’articolo Carabinieri, incertezza sul servizio: sapere solo il giorno prima quale sia il turno del giorno dopo – INFODIFESA per sapere che costantemente registriamo suicidi tra gli appartenenti alle Forze dell’Ordine, quindi, è un dovere la riduzione di ogni fattore di stress;
  14. rapido avvio delle costruzioni di carceri di livello di detenzione diverso a seconda della pericolosità del condannato;
  15. reclusione aggiuntiva da 3 anni a 9 anni per il detenuto che aggredisce e/o minaccia di morte e/o di lesioni un operatore della polizia penitenziaria e/o i suoi familiari. Non concessione del rito abbreviato. In ogni caso, anche se poi fosse dichiarato incapace di intendere e di volere: sequestro preventivo di tutti i suoi beni e lavoro obbligatorio fino alla rifusione completa dei danni provocati agli aggrediti (cose e persone), oltre alle spese processuali e per la detenzione; ossia, tutte le spese che altrimenti andrebbero addebitate alla collettività (cure mediche che gli aggrediti sono costretti a sostenere, eventuali procurate invalidità e conseguenti pensioni e spese processuali attivate a carico degli aggrediti).

A seguire, sicuramente incompleto, l’elenco delle quotidiane AGGRESSIONI subite dalle FORZE DELL’ORDINE e le leggi in vigore che consentono il vergognoso rilascio dei delinquenti che deridono e tornano a delinquere a danno dei cittadini e della collettività, costringendo gli agenti a rischiare di nuovo la vita per catturarli.

elenco a partire solo dal 10 aprile 2022

04 dicembre 2022 – Roma, la fuga dei boss sedicenni: nell’auto un carico di droga. E la mamma picchia un poliziotto – INFODIFESA
22 novembre 2022 – https://www.lanazione.it/firenze/cronaca/studenti-rapinati-spray-peperoncino-1.8311200 Rapina studenti americani con spray al peperoncino, poi afferra poliziotta per i capelli. Per questo la notte scorsa, con l’accusa di rapina aggravata in concorso, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, la polizia di stato ha arrestato un cittadino gambiano di 23 anni.
19 novembre 2022 – Follia a Firenze, danneggia auto e picchia due vigilesse, finite in ospedale – Cronaca (lanazione.it) Arrestato per aver aggredito due agenti donna della polizia municipale intervenute mentre danneggiava un’auto in sosta a Firenze, venerdì sera in via delle Porte Nuove. Qui due agenti in divisa del Reparto territoriale di Porta Romana hanno notato un uomo sul marciapiede che improvvisamente ha dato in escandescenze lanciando una bottiglia di vetro contro una vettura in sosta, danneggiandola. Ha poi lanciato, sempre contro lo stesso veicolo, un accendino, e lo ha preso a calci. Quando le due vigilesse hanno cercato di fermarlo, lui ha reagito spintonandole e indirizzando loro sputi e calci. Con l’ausilio di altri colleghi, le agenti lo hanno trattenuto e arrestato per danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale. Le due vigilesse poi sono state trasportate al pronto soccorso di Careggi per ricevere le medicazioni per le lesioni riportate, che Palazzo Vecchio definisce lievi. L’uomo, originario del Sudan e senza fissa dimora, è stato processato per direttissima, l’arresto è stato convalidato e il processo rinviato.
23 ottobre 2022 – https://corrierefiorentino.corriere.it/firenze/notizie/cronaca/22_ottobre_21/cecina-adolescenti-rompono-naso-un-carabiniere-denunciati-17enne-16enne-757f8b56-513e-11ed-927f-4491baa46222.shtml I due giovani nei giorni scorsi si trovavano alla fiera che si svolge ogni anno ad ottobre nel centro cittadino di Cecina e che porta in città molte persone. I carabinieri stavano eseguendo dei normali controlli per garantire la sicurezza dell’evento quando hanno due militari in borghese hanno visto i due minori assumere un atteggiamento strano. I carabinieri si sono avvicinati ai ragazzi e si sono identificati, chiedendo i documenti ai giovani per effettuare un controllo. I due minorenni si sono rifiutati di fornire i documenti e hanno iniziato ad offendere i carabinieri e, dopo aver sferrato un pugno contro uno dei carabinieri senza apparente motivo, hanno cercato di scappare tra la folla. I militari dell’Arma hanno inseguito i due ragazzi e, una volta raggiunti, sono stati ancora oggetto di offese e di un nuova aggressione con pugni, calci, morsi e anche il lancio di alcuni sassi che hanno colpito al volto uno dei due militari. Nel frattempo sul posto sono arrivati i rinforzi che hanno aiutato i colleghi a fermare i due aggressori che sono stati portati illesi al comando di Cecina dove sono stati denunciati. Il Procuratore della Repubblica presso il tribunale dei minori di Firenze ha disposto una perquisizione a casa dei due giovani dove nell’abitazione del 17enne è stato trovato un coltellino a serramanico. I due militari aggrediti sono ricorsi alle cure mediche hanno riportato rispettivamente una prognosi di 20 giorni per «infrazione delle ossa proprie del naso, una contusione all’occhio sinistro, ferite abrase multiple e un trauma distorsivo del rachide cervicale» ed una prognosi 7 giorni per «contusioni multiple e trauma policontusivo». ecco un esempio di quanto sia indispensabile una legge che preveda che un minorenne, al secondo reato, sia soggetto a quanto previsto dalla legge per i maggiorenni mentre, nel caso di aggressione a terzi, sia soggetto subito a quanto previsto dalla legge per i maggiorenni.
21 ottobre 2022 – https://www.fanpage.it/napoli/poliziotta-picchiata-e-stuprata-nel-porto-di-napoli-laggressore-confessa-sono-stato-io/ Poliziotta picchiata e stuprata nel Porto di Napoli, l’aggressore confessa: “Sono stato io” L’aggressore, un bengalese di 23 anni, avrebbe confessato la violenza durante l’interrogatorio in Questura. Ora è detenuto a Poggioreale, a disposizione dei giudici. L’aggressore è stato identificato grazie alle immagini delle telecamere di videosorveglianza del Porto e bloccato poco dopo nella zona di via Duomo. L’uomo è stato arrestato per tentato omicidio e violenza sessuale. L’uomo, J.M., extracomunitario di 23 anni di origini bengalesi,
https://www.fanpage.it/
20 ottobre 2022 – Poliziotta violentata a Napoli, il camionista che l’ha soccorsa: «Ha bussato al finestrino del mio tir, era sotto choc» (VIDEO) – INFODIFESA
19 ottobre 2022 – Ubriaco, aggredisce carabiniere con un’ascia: ex guardia giurata in manette a Ravenna – INFODIFESA
18 ottobre 2022 – Si presenta in questura e insulta i poliziotti, poi colpisce un agente – INFODIFESA
18 ottobre 2022 – Rapinatore morto dopo scontro a fuoco con la polizia, indagati 5 agenti – INFODIFESA
16 ottobre 2022 – Carceri, a Trapani detenuto lancia liquido bollente sul volto di un poliziotto penitenziario – INFODIFESA
14 ottobre 2022 – Avellino, scontro a fuoco con la polizia: morto un rapinatore – INFODIFESA
12 ottobre 2022 – Calunnie e minacce a ufficiale dei carabinieri. Il PM aveva chiesto condanna a tre anni, ma dal Tribunale è arrivata l’assoluzione – INFODIFESA
12 ottobre 2022 – Arresta marocchino ubriaco e armato di coltello, poliziotto condannato: “Procedura troppo violenta” – INFODIFESA
12 ottobre 2022 – https://www.malpensa24.it/condanna-poliziotto-paolo-macchi/ «Condannato un poliziotto per aver fatto bene il proprio lavoro? Fa rabbrividire» Condannato a 1 anno e 7 mesi il Sovrintendente Capo della Polfer che da solo tre anni fa arrestò un pluripregiudicato clandestino armato di due coltelli in pieno centro città. Un pluripregiudicato, clandestino, ubriaco oltre ogni misura, armato di due coltelli che, nel 2020 rappresentava un grave problema per l’intero centro città, quando decine di esercenti e cittadini avevano preso a chiamare ripetutamente i numeri di emergenza segnalandone la presenza. Oggi quel signore rappresenta invece la parte offesa mentre l’imputato, addirittura condannato, è un poliziotto, uno di quelli che chiamiamo quando abbiamo paura, quando serve qualcuno che usi la forza al nostro posto, colui che quel giorno si preoccupò di disarmare ed arrestare quello che allora rappresentava un problema. Un video del sottopassaggio, quei video che tanto dovrebbero tutelarci attraverso le bodycam richieste da molti politici, è invece lo scoglio sul quale si è abbattuto l’entusiasmo e la motivazione di chi quel giorno era convinto di avere fatto il proprio dovere. Quel video bianco e nero sgranato passato al setaccio non riporta le nostre emozioni il nostro battito cardiaco e la temperatura del momento e ciò che deve cambiare è la fiducia in noi da parte di chi esamina le immagini perché noi siamo i buoni in questo dannato film lo volete capire? Vedere uno tra i poliziotti più operativi e preparati accasciarsi in ginocchio con gli occhi lucidi dopo avere ascoltato una condanna inaspettata fa rabbrividire, fa sentire impotenti abbandonati e sbagliati. Accanto a lui solo alcuni di noi e gli avvocati che ovviamente dovrà pagare di tasca propria, nessuno dei nostri vertici, nessuno che gli facesse sentire quel senso di appartenenza alla Polizia di Stato, quello che sappiamo così bene celebrare sui social in feste, commemorazioni e parate, quello che veicoliamo nelle immagini dei poliziotti che si mettono a cucinare per gli anziani soli, che salvano un cane ma che non sentiamo quando siamo chiamati a rispondere per l’uso della forza, quella Forza che solo noi siamo chiamati a utilizzare per poi essere messi alla gogna. Quel poliziotto mi ha detto “avrei preferito ricevere due fendenti da quel soggetto piuttosto che questa condanna” e forse tutto sarebbe stato visto con altri occhi. Abbiamo un’infinita fiducia nella giustizia e siamo certi che i prossimi gradi di giudizio chiariranno questo immenso equivoco ma cercate di capire lo stato d’animo di un poliziotto, di uno che cercando di fare al meglio il proprio lavoro prende una condanna, spende parecchie migliaia di euro per giustificare un comportamento operativo e si dovrà scontrare con l’ulteriore processo disciplinare previsto dal nostro regolamento interno e cercate di capire la preoccupazione e lo svilimento di quanti ogni giorno operano sulle nostre strade e città, pensate a quante volte rifletteranno prima di estrarre il taser o la pistola ed a farne le spese di questa paura saranno prevalentemente i cittadini, i tantissimi che invece ci fanno sentire il loro appoggio sui nostri canali ed ogni volta che li incontriamo nelle piazze. A Varese ci sono altri colleghi che attendono esiti di indagini cui sono stati sottoposti per denunce di pluripregiudicati, per denunce che si sa non costano molto ma restituiscono l’importante risultato di affievolire la nostra credibilità e quella dei nostri atti, facendoci lavorare come chi cammina sulle uova. Fino a ieri ci interrogavamo sul “ma chi ce lo fa fare tanto escono ancor prima che termineremo di scrivere i verbali di arresto”, “ma chi ce lo fa fare tanto leggiamo pene sempre più blande”, e se ora che sono sempre di più i rischi di essere denunciati e di passare noi stessi guai con la giustizia l’interrogativo diventasse solo “ma chi ce lo fa fare?”. Ci sono arrivati messaggi di vicinanza da sindacati e colleghi di Polizia, Carabinieri e Polizia Locale, segno che la preoccupazione è forte e reale, per favore non fateci disaffezionare da questo lavoro che per noi è una missione ma non può divenire un incubo, non lasciateci soli. Paolo Macchi (Segretario generale del Siulp)
11 ottobre 2022 – Carabiniere rientra a casa e viene picchiato da 3 rapinatori – INFODIFESA
10 ottobre 2022 – https://www.torinotoday.it/cronaca/aggressione-carabiniere-cpr-corso-brunelleschi.html Aggredito un maresciallo dei carabinieri all’interno del centro di permanenza per il rimpatrio (C.P.R.) di Torino. Il fatto è accaduto nel pomeriggio di venerdì 7 ottobre e da quanto riportato da Leonardo Silvestri, segretario regionale dell’Unione sindacale italiana carabinieri, il militare sarebbe stato ferito in modo serio. “Un maresciallo del primo reggimento Piemonte è stato ferito durante il turno di servizio al C.P.R. di Torino”, scrive Silvestri in una nota, “L’uomo, opponendo un’accanita resistenza al sottoufficiale intervenuto per riportarlo alla calma, lo ha ferito seriamente. Particolarmente violento e pericoloso per sé e gli altri, ha più volte colpito il militare con l’evidente intento di procurargli serie lesioni. Alla fine, l’extracomunitario è stato arrestato e trasferito nella casa circondariale di Torino”. Il sindacalista ha anche denunciato che l’equipaggiamento in dotazione ai carabinieri che operano all’interno del C.P.R. non sarebbe adeguato. Silvestri ha spiegato come sia necessario che i carabinieri vengano dotati di taser, bodycam, giubbotti e guanti antitaglio. Infine, il sindacato chiede al futuro governo un inserimento normativo per l’aggressione contro le forze dell’ordine.
09 ottobre 2022 – Sperona 15 auto e punta arma da guerra verso carabiniere, bloccato e arrestato – INFODIFESA
07 ottobre 2022 – Baby Gang il trapper arrestato oggi contro i poliziotti: “Sbirri infami, Il vostro stipendio lo mangio a pranzo” – INFODIFESA
07 ottobre 2022 – Corteo di motorini accerchia una volante della polizia durante funerale. Schiaffi e colpi di grondaia agli agenti – INFODIFESA
07 ottobre 2022 – Investe con l’auto un poliziotto in bicicletta che gli chiede i documenti: denunciato un 52enne – INFODIFESA
19 settembre 2022 – Paura a Roma: tenta di investire agente con l’auto a tutta velocità, poliziotto spara per fermarlo – INFODIFESA
18 settembre 2022 – Tunisino espulso, a spasso in città: la furia contro il carabiniere che lo ha riconosciuto – INFODIFESA
12 settembre 2022 – Detenuto strappa la sbarra di una finestra e colpisce un poliziotto a sprangate – INFODIFESA Teramo, Detenuto strappa la sbarra di una finestra e colpisce un poliziotto a sprangate.
10 settembre 2022 – «Mentre i carabinieri lottano sulla strada, i comandanti vanno a “caccia” di ventilatori nelle nostre caserme». La denuncia di NSC Calabria – INFODIFESA Incredibile: nell’Italia dove spendono nostri milioni di euro per inviare armi in Ucraina hanno disposto che i comandanti dei presidi verifichino e impediscano l’utilizzo di apparecchi elettrici che i carabinieri in servizio sono stati costretti ad acquistare con i loro soldi per garantirsi un minimo di vivibilità: questo per evitare sovraccarico nell’impianto elettrico. In una nazione civile le strutture delle Forze dell’ordine e della difesa sono progettate e poi continuamente adeguate sia per quanto riguarda la sicurezza sia per garantire agli operatori la migliore vivibilità: al contrario, in Italia, c’è qualcuno che la pensa diversamente e non gli interessa della sicurezza e vivibilità degli appartenenti alle Forze dell’ordine e della difesa. Vediamo se il governo che arriverà dopo le elezioni farà dell’Italia una nazione neutrale investendo i miliardi risparmiati nell’acquisto di armi per l’Ucraina nel creare sicurezza e benessere a chi ci difende quotidianamente.
07 settembre 2022 – Sheena Lossetto uccisa in un inseguimento, il pm: «Processate il poliziotto che l’ha travolta» – INFODIFESA 07 settembre 2022 – Sheena Lossetto uccisa in un inseguimento, il pm: «Processate il poliziotto che l’ha travolta» – INFODIFESA Secondo questo giudice chi insegue i criminali non deve violare il Codice della Strada pena trovarsi in giudizio per anni. Se il Ministero della Giustizia non interviene tempestivamente per far archiviare la pratica gli appartenenti alle Forze dell’Ordine possono decidere di non attivare gli inseguimenti, visto che rispettando il Codice della Strada non avrebbero alcuna possibilità di bloccarli.
04 settembre 2022 –Va in caserma e accoltella un carabiniere – INFODIFESA
02 settembre 2022 – Il ministero della Difesa dovrà pagare 1,3 milioni di euro di risarcimento alla famiglia di un ex sottufficiale della Marina morto per esposizione all’amianto – INFODIFESA Per uno che ha lavorato per difendere la nazione ci sono voluti 9 anni per riconoscere che era stato ucciso perché non gli avevano fornito le protezioni necessarie a evitare la contaminazione da alte concentrazioni di fibre di amianto.
01 settembre 2022 – Quanto guadagna un carabiniere? Stipendio aggiornato al 2022 – INFODIFESA Incredibile, ma lo abbiamo letto nell’articolo: lo stipendio mensile netto per chi ci difende e rischia anche la vita è di soli 1.200 euro netti al mese!
01 settembre 2022 – «La polizia li arresta, ma vengono immediatamente rilasciati. Continui furti e rapine a Termini» – INFODIFESA Un esempio: peruviano arrestato 2 volte, 12 denunce per furto, ancora a piede libero sul territorio. I criminali lo sanno e si sentono liberi di delinquere. Il Governo e gli attuali parlamentari non hanno trovato il tempo per trasformare le nostre richieste in leggi.
29 agosto 2022 – Baby Gang fa video TikTok nell’auto dei carabinieri dopo arresto per rapina: ” pippando nella macchina degli sbirri” – INFODIFESA
Ancora minorenni che seminano il terrore aggredendo, spacciando e deridendo le Forze dell’Ordine, sicuri del fatto che non possono essere incriminati e carcerati.
Pertanto, chi si candida a rappresentarci nel nuovo Parlamento deve far varare una legge che preveda che un minorenne, al secondo reato deve essere soggetto a quanto prevede la legge per i maggiorenni.
29 agosto 2022- Taranto, contromano sulla statale sperona l’auto dei carabinieri e poi li aggredisce – INFODIFESA
25 agosto 2022 – Sfugge al controllo: carabiniere incastrato nella portiera dell’auto in fuga viene trascinato per metri – INFODIFESA
25 agosto 2022 – Daspo urbano al trapper, il Tar annulla il provvedimento: “Deve potersi esibire”. Era salito sul cofano dell’auto della polizia ingiuriando le istituzioni – INFODIFESA
23 agosto 2022 – Vendetta della Babygang, preso a sassate il poliziotto a passeggio con la compagna – INFODIFESA
22 agosto 2022 – https://www.ilmessaggero.it/abruzzo/avances_carabiniere_donna_arresto_durante_movida-6883650.html Avances a un carabiniere donna: giovane arrestato durante la movida
Ancora notte movimentata in centro storico, all’Aquila. Ancora arresti per resistenza a pubblico ufficiale da parte dei carabinieri e della Polizia; l’uno a poca distanza di tempo e di luogo dall’altro. Il primo a finire in manette B.M., che a quanto pare non si sarebbe fatto alcuno scrupolo nel compiere delle avances a un carabiniere donna in divisa, in servizio di controllo appiedato in centro storico con un collega. È accaduto l’altra notte in piazza Regina Margherita. L’uomo dopo le avances si è scagliato senza alcun motivo contro i militari. Ne è nata una colluttazione terminata con l’intervento anche degli agenti della Squadra volante che tempo pochi minuti, hanno dovuto fare i conti con due 21enni aquilani, che li hanno aggrediti dopo che gli stessi poco prima avevano picchiato il titolare del bar Castello. Poco dopo i due sono stati neutralizzati.
20 agosto 2022 – Ladro lancia la cassaforte contro il carabiniere per fuggire e lo ferisce al volto in Irpinia – INFODIFESA Ferito gravemente e trasportato in ospedale per subire un intervento maxillofacciale.
20 agosto 2022 – Maxi rissa davanti alla stazione Termini, ferito anche un carabiniere – INFODIFESA
18 agosto 2022 –Polizia, un altro suicidio: 3 poliziotti in 10 giorni, una strage senza fine – INFODIFESA Prosegue impietosamente la strage silenziosa tra le lavoratrici e i lavoratori di polizia. I suicidi si susseguono …. Il 43° nelle Forze dell’Ordine e Forze Armate dall’inizio del 2022.
11 agosto 2022 – Ancona, inseguimento da film: carabiniere speronato dai ladri in fuga – INFODIFESA
09 agosto 2022 – Ergastolano violento diventato l’incubo della polizia penitenziaria: gli agenti chiedono aiuto – INFODIFESA
08 agosto 2022 – Reagisce al taser e accoltella poliziotto, gli altri agenti sparano per fermarlo e lo feriscono alle gambe – INFODIFESA
08 agosto 2022 – A 77 anni distrugge auto con la fionda: denunciato – Cronaca – lanazione.it A 77 anni distrugge auto con la fionda: denunciato. L’uomo avrebbe minacciato anche i poliziotti. Indagato per danneggiamento aggravato, lancio pericoloso di oggetti, minacce a pubblico ufficiale e detenzione abusiva di armi. Le volanti della Questura di Firenze, intervenute sul posto, hanno individuato l’abitazione dalla quale sarebbe partito il tutto, scoprendo e sequestrando all’interno della casa – oltre alla canna di un fucile detenuta abusivamente – una fionda artigianale, un contenitore pieno di pallini in acciaio e un sacchetto con dei bulloni di circa due centimetri di diametro. Il padrone di casa, indagato per l’accaduto, avrebbe anche minacciato i poliziotti intervenuti. Nel frattempo, in strada, alcuni proprietari di auto della zona si sarebbero avvicinati a un’altra pattuglia, presentandosi come vittime di analoghi danneggiamenti avvenuti anche recentemente sulla stessa vita. In merito all’episodio, il 77enne è al momento indagato per danneggiamento aggravato, lancio pericoloso di oggetti, minacce a pubblico ufficiale e detenzione abusiva di armi.
IN SINTESI: Libero di reiterare il crimine con la possibilità non remota di procurare lesioni ai cittadini e danni ai beni pubblici e privati, impegnando di nuovo le Forze dell’Ordine.
06 agosto 2022 – https://www.lanazione.it/firenze/cronaca/furti-in-auto-firenze-1.7958122 Firenze, spaccano finestrini per rubare nelle auto: arrestati. ….È accaduto alle Cascine. Uno dei due ladri era sottoposto al divieto di dimora nella provincia. Stanotte, due malviventi avevano appena scassinato tre macchine parcheggiate in viale degli Olmi, poi avevano infranto il vetro di un’altra e stavano rubando all’interno di questa. Ma in quel momento sono passati i Carabinieri del Nucleo radiomobile del Comando Provinciale di Firenze, che ha intensificato i controlli serali nel parco delle Cascine. I militari sono subito intervenuti intimando ai ladri di fermarsi. Ma questi, invece hanno tentato la fuga: ne è nato così un breve inseguimento, nel quale hanno avuto la meglio le forze dell’ordine. I carabinieri hanno dichiarato in arresto i due delinquenti con l’ipotesi di furto aggravato in concorso, in flagranza di reato, perché visti mentre rompevano il deflettore destro dell’autovettura che avevano cominciato a saccheggiare. In seguito la pattuglia ha scoperto che avevano scassinato anche le precedenti tre automobili, probabilmente utilizzando un cacciavite che è stato trovato loro addosso. Identificati, è emerso che si tratta di due giovani di venti e ventuno anni, entrambi albanesi. Il primo è incensurato, mentre il secondo aveva già precedenti e persino sottoposto al divieto di dimora nella provincia di Firenze. Durante l’inseguimento i due giovani provato a disfarsi della refurtiva, probabilmente per alleggerire le accuse a loro carico. Ma i militari l’hanno rinvenuta interamente e restituita ai proprietari. Il cacciavite che si suppone essere stato l’attrezzo dello scasso, è invece stato sequestrato. Giudicati con il rito direttissimo questa mattina, è stato convalidato il loro arresto; tuttavia, mentre il ventunenne che aveva a suo carico anche la violazione della precedente misura cautelare è finito in carcere a Sollicciano, il ventunenne è stato invece condannato alla sola misura dell’obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria.
IN SINTESI: un impegnativo e pericoloso intervento dei carabinieri ma il delinquente è rilasciato dal giudice, quindi, in grado di proseguire i suoi intenti a danno della collettività, costringendo altri agenti a rischiare nuovamente la loro vita per assicurarlo alla giustizia.
05 agosto 2022 – Giovane finlandese arrestato e liberato due volte in un giorno. Prima una rapina e poi un furto – INFODIFESA
05 agosto 2022 – https://infodifesa.it/ruba-unauto-e-travolge-i-passanti-durante-la-fuga-gravissima-una-donna/
03 agosto 2022 – Follia in Questura, aggrediscono poliziotti per non farsi identificare – INFODIFESA
23 luglio 2022 – https://infodifesa.it/inseguiti-dai-carabinieri-ladri-di-rame-si-schiantano-contro-un-muro/
23 luglio 2022 – Rieti, finanzieri malmenati durante una notifica: per uno, frattura a una gamba – INFODIFESA
15 luglio 2022. – Supera la Volante e passa con il ‘rosso’ mimando la pistola. Ha pure la patente scaduta – INFODIFESA
07 luglio 2022 – Ruba la pistola a un poliziotto e prova a sparare un colpo, denunciato – INFODIFESA
07 luglio 2022 – https://infodifesa.it/carabiniere-picchiato-in-un-bar-tra-gli-aggressori-anche-uno-degli-assalitori-di-brumotti-a-foggia/
07 luglio 2022 – Poliziotto sparò contro auto in fuga Assolto il conducente che ignorò l’alt – INFODIFESA
02 luglio 2022 Folle fuga in auto, i carabinieri sparano: alla fine manette ai polsi di un serbo – INFODIFESA
02 luglio 2022 – Fugge su un’auto rubata e sperona la volante della polizia: arrestato 34enne – INFODIFESA
29 giugno 2022 – “A 24 ore di distanza un altro poliziotto penitenziario aggredito da un detenuto nel carcere di Parma” – INFODIFESA
27 giugno 2022 – https://www.nicolaporro.it/lo-sfogo-di-un-poliziotto-migranti-risse-bottigliate-vi-racconto-linferno/ Vi racconto una serata tipica del Reparto Mobile della Polizia di Stato in Stazione Centrale a Milano. Ovviamente racconto una “serata” ma la situazione non cambia nell’arco delle 24 ore: il turno inizia con sfollagente, scudi e ubot sempre a portata di mano, perché forse qualcuno non si accorge che la stazione centrale, soprattutto nei pressi delle fontane, ai lati con Piazza IV novembre e Luigi di Savoia, è praticamente un’enclave di molteplici Paesi! Per chi non comprende il significato “enclave”, in geografia economica politica è semplicemente un territorio completamente chiuso entro i confini di uno stato diverso da quello cui politicamente o linguisticamente appartiene! Già non è questo il caso ma sembra proprio così, una situazione incontrollabile, devastante! ci si prende a bottigliate, a pietre, a volte bastante, risse all’ordine del giorno! Si spaccia liberamente, ci si prende a bottigliate, a pietre, a volte bastante, risse all’ordine del giorno! Dimenticavo! Gli autori sono tutti stranieri africani… Scappano dalla guerra? Scappano dalla fame? Me lo chiedo spesso: per comportarsi così da cosa scappano? Il problema è una immigrazione clandestina incontrollata dallo sbarco sino allo stazionamento in quella che abbiamo chiamato “enclave milanese”! Vi faccio riflettere! Finché c’è il Reparto Mobile della Polizia di Stato sulla piazza, questi ospiti o occupanti, chiamateli come volete, cercano di stare al loro posto, il Reparto sventa una decina di risse per turno, furti, rapine, “distrae” lo spaccio, attenua il problema ma non lo risolve! Per risolvere questo problema è importante un intervento legislativo e organizzativo! Appena il Reparto va via, ecco l’accoltellato! Dimenticavo guai a sgridarli, non sia mai a menarli, altrimenti arriva il premio “fascista dell’anno” con annesso “processo”. Ritorniamo al sabato sera, ero presente! Risse, furti, rapine, spaccio sventati ma la chicca più bella viene dagli operatori dell’Amsa! Ci chiedono se possiamo scortarli mentre devono pulire la sporcizia che gli ospiti/occupanti hanno lasciato! Ovviamente non abbiamo rifiutato, ci dicono che il servizio deve essere garantito dalla Polizia locale che evidentemente era impegnata in altro. Figuriamoci se noi del Reparto lasciamo dei lavoratori con il pericolo costante di una coltellata! Dimenticavo, sono stati già portati via tutti, foto segnaletiche e muniti di ordine del Questore! I Cpr non producono l’effetto desiderato, lo abbiamo spiegato più volte in questi giorni, quindi per il solito problema legislativo e organizzativo, i nostri clienti continuano a fare ciò che hanno sempre fatto, e noi continuiamo a guardarli e attenuare a nostro rischio il problema… Chi può, evidentemente non fa! Passo e chiudo! Pasquale Griesi, segretario regionale Lombardia dell’Fsp Polizia
27 giugno 2022 – VIDEO – Sequestrano un chiosco abusivo a Napoli, vigili accerchiati e picchiati da un centinaio di persone – INFODIFESA
26 giugno 2022 – “Vi ammazzo, vi sparo con la pistola in bocca …” e tenta di afferrare per il collo un carabiniere: arrestato e scarcerato con obbligo di firma – INFODIFESA
26 giugno 2022 – Due carabinieri accoltellati mentre tentano di calmare uomo sottoposto a Tso – INFODIFESA
19 giugno 2022 – Spari a San Pietro, in fuga con l’auto nel Centro di Roma: scatta l’allarme antiterrorismo – INFODIFESA
19 giugno 2022 – Schiaffone al carabiniere in piazza: “Ero curioso di capire che succedeva”. Denunciato 23enne – INFODIFESA
14 giugno 2022 – https://infodifesa.it/milano-poliziotti-aggrediti-mentre-fermano-uomo-con-coltello-video/
13 giugno 2022 – Stazione Termini, aggredito brutalmente colonnello della Guardia di Finanza – INFODIFESA . I criminali hanno ripetuto un modus operandi per una rapina: non sapendo se l’autista all’interno di un veicolo ha le sicure chiuse, il criminale urta violentemente il vetro del finestrino con qualche oggetto (in questo caso uno zaino) inducendo l’autista a scendere e, quindi, a poter essere aggredito dai complici che entrano in azione per rapinarlo.
13 giugno 2022 – Palermo, poliziotto picchiato da baby gang: ricoverato in ospedale – INFODIFESA
12 giugno 2022 – https://infodifesa.it/investe-i-vigili-che-hanno-fermato-il-figlio-madre-patteggia-nove-mesi-chiedo-scusa-agli-agenti/
12 giugno 2022 – https://infodifesa.it/i-carabinieri-vengono-a-prenderlo-per-rimpatriarlo-lui-tenta-di-ucciderli-a-coltellate/
11 giugno 2022 – https://infodifesa.it/si-presenta-in-commissariato-con-tre-cani-che-aggrediscono-un-poliziotto-padrona-a-processo/
10 giugno 2022 – https://infodifesa.it/fugge-alla-polizia-e-investe-un-agente-era-un-neopatentato-il-giudice-lo-rimette-in-liberta/
09 giugno 2022 – https://infodifesa.it/forza-il-posto-di-blocco-e-travolge-un-agente-di-polizia-scaraventandolo-a-terra/
08 giugno 2022 – https://infodifesa.it/fuggono-dai-carabinieri-e-si-schiantano-in-curva-morto-un-26enne/
07 giugno 2022 – Poliziotto a processo dopo aver atterrato ubriaco, gli agenti “proveremo ad ipnotizzarli” – INFODIFESA
04 giugno 2022 – Tenta di investire un carabiniere e gli schiaccia il piede con la ruota dell’auto. Era in fuga dopo le minacce alla moglie – INFODIFESA
04 giugno 2022 – https://infodifesa.it/salerno-accoltella-due-carabinieri-i-militari-gli-sparano-alle-gambe-e-lo-arrestano/
21 maggio 2022 – https://infodifesa.it/foligno-due-minorenni-su-moto-rubata-travolgono-carabiniere-denunciati-il-militare-e-in-prognosi-riservata/
20 maggio 2022 – https://infodifesa.it/sardegna-4-carabinieri-feriti-perche-manca-la-firma-per-i-taser-il-sim-carabinieri-chiede-spiegazioni-al-viminale/ 18 maggio 2022 – Usic: “Caldo estivo, ma per i carabinieri divise invernali. Per alcuni comandi il ‘cambio stagione’ può attendere” – INFODIFESA
07 maggio 2022 – Poliziotti sconvolti da sentenza: “Siamo carne da macello” – INFODIFESAÈ stato assolto perché “non imputabile” l’uomo che ha ucciso due poliziotti nella Questura di Trieste – INFODIFESA. Non imputabile per vizio totale di mente, trasferito per 30 anni in una Residenza esecuzione misure di sicurezza dove, dopo la chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, viene promosso un nuovo approccio riabilitativo nei confronti della persona affetta da disturbo mentale autore di reato, finalizzato al recupero sociale con tempi misurati sui bisogni assistenziali personalizzati. Pertanto, vogliamo scommettere che il recupero gli consentirà di uscire in poco tempo e ce lo ritroveremo per le strade libero di uccidere ancora?
06 maggio 2022 – Nudo entra in un bar e prende a calci un’auto dei carabinieri – INFODIFESA Che fai se non obbedisce a seguirti e non hai un taser? Lo abbracci? Lo placchi? Ma se è uno robusto come si vede nel filmato, sei costretto a una colluttazione con il rischio di essere contagiato dal Covid19 e/o dall’AIDS? Ogni agente operativo deve avere un taser che blocca i violenti e una bodycam che registra l’evento a sua tutela e a quella del cittadino.
03 maggio 2022 – Giulia dei Carabinieri si schianta durante inseguimento. Feriti due militari – INFODIFESA
01 maggio 2022 – Torino, polizia arretra sotto gli sputi dei manifestanti. «Nel giorno della festa dei lavoratori si aggredisce chi lavora» – INFODIFESA A CHI GIOVA inviare le Forze dell’Ordine in numero insufficiente per subire aggressioni e offese da quelli che sappiamo benissimo prima che non sono pacifiche e legittime manifestazioni ma sono raduni violenti? Certamente a governi deboli che sopravvivono grazie alle strategie della tensione pertanto è diritto dovere dei cittadini metterli sotto accusa, difendendo chi ci difende.
26 aprile 2022 – Polizia, riorganizzazione uffici e tagli organico per almeno 10mila unità – INFODIFESADall’Italia pronta l’artiglieria più pesante per Kiev: verso il nuovo decreto con cannoni, cingolati e autoblindo – INFODIFESA Debiti per inviare armi all’estero e niente soldi per acquisto di taser, bodycam, giubbotti antiproiettile di nuova generazione, nuovi autoveicoli con protezioni antiproiettili, droni eccetera per le nostre Forze dell’Ordine.
26 aprile 2022 – Carabinieri e poliziotti presi a cinghiate dagli ultras. «Comando generale approvi al più presto nuove procedure operative di ordine pubblico» – INFODIFESA
23 aprile 2022 – Portato in caserma dopo aggressione, scaraventa scrivania contro i carabinieri minacciandoli di morte: sconto di pena e scarcerato – INFODIFESA
21 aprile 2022 – Bmw fugge dalla polizia: inseguimento a Milano, sparati due colpi di pistola – INFODIFESA
21 aprile 2022 – https://infodifesa.it/agente-di-polizia-locale-trasferito-perche-rifiuta-le-armi-il-giudice-lo-reintegra-e-condanna-il-comune/ Alla luce di detta sentenza, visto che è possibile che un agente di Polizia municipale può rifiutare le armi dopo che è stato assunto e non è legittimo poi discriminare nei bandi di concorso chi non accetta di portare le armi, eliminiamo il corpo della Polizia Municipale perché basterà assumere dei semplici impiegati, risparmiando sulle divise e scritte sulle auto eccetera. Una simile sentenza, anche se sarà sconfessata in appello, ora potrà creare dei problemi ai 7.904 sindaci italiani perché gli agenti di polizia municipale potrebbero consegnare le armi in dotazione, visto che non è vietato riflettere in qualsiasi momento, diventando un obiettore di coscienza contro la guerra e contro il possesso di armi. Se invece detta sentenza passa in giudicato, la soluzione sarebbe quella di imitare il sistema organizzativo degli Stati Uniti d’America che funziona, ottimizzando così le risorse. Ovviamente prevedendo che nel passaggio al nuovo sistema tutti gli appartenenti ai corpi dovranno avere un automatico passaggio di livello retributivo.
17 aprile 2022 – Poliziotto aggredito a Casoria in pieno giorno a calci e pugni. Video “violenza inaudita” – INFODIFESA
14 aprile 2022 – Non si ferma al posto di blocco e investe un poliziotto: arrestato 29enne e disposta la sospensione della pena – INFODIFESA
13 aprile 2022 – Polizia, Questore Vicario difende capotreno e viene brutalmente aggredito – INFODIFESA
11 aprile 2022 – Napoli, due giovani investono un carabiniere: arrestati – INFODIFESA
01 aprile 2022 – https://www.foggiatoday.it/cronaca/investito-poliziotto-foggia-arresto-21-enne.html Non si ferma al posto di blocco, ingrana la marcia e investe un poliziotto
………………………………………….

Articoli simili